Davide Nalin

Dicono di lui su Wikipedia: “Nessuna voce trovata”.
E infatti suona la tastiera.

A 7 anni urla di voler imparare a suonare la chitarra come suo zio, ma il primo insegnante di musica lo stronca dicendo “Dovresti iniziare col pianoforte”.
Titubante inizia, per poi non lasciare più lo strumento.
Dopo 10 anni di studio classico, iniziano le varie esperienze nelle band.

Nel 2006 entra a far parte degli ZTL, cover band del Canavese con repertorio rock/blues, con cui suona fino al 2011.
Nel 2007 si lancia nel rhythm and blues con il gruppo Bluesanza.
La collaborazione finisce nel 2009, anno in cui entra a far parte dei Supergiovani, tribute band torinese degli Elio e le Storie Tese, in cui sfrutta le sue qualità teatrali oltre a quelle musicali.
Con il personaggio del maEstro, suona con loro fino al 2015.

Dopo alcune brevi esperienze in altri gruppi, i sentieri della vita lo portano a conoscere il batterista dei Funkystation, cover band con repertorio funky/acid jazz.
Nel 2019 il gruppo si scioglie e si ritrova, alla fine di uno spettacolo teatrale, a parlarne con Max Barbera:
– “Il mio gruppo si sta sciogliendo..”
– “Noi siamo senza tastierista..”
BOOM! D’improvviso ha inizio l’avventura con i Gremlins Soundtracks!

Fun Fact: gli piacciono i Dream Theater, ma probabilmente non suonerà mai progressive metal nella sua vita. Però ha buone probabilità di diventare calvo come Jordan Rudess.