Mazinga Z

Mazinga Z (マジンガーZ Majingā Z) è il primo anime giapponese, in ordine cronologico, basato sulla storia di un grande robot pilotato da un operatore umano e costituisce il primo capitolo della Mazinger Saga nonché il capostipite del genere Super Robot. Fu creato da Go Nagai nel 1972 come filiazione dell’omonimo manga.Una seconda versione del manga, meglio curata e diretta a un pubblico più maturo, fu poi realizzata da Gosaku Ota. In Italia venne trasmesso per la prima volta solo a partire dall’11 gennaio 1980 da Rai 1 (all’epoca Rete 1).

La serie animata si compone di 92 episodi (in Italia ne furono doppiati e trasmessi solo 51), e si inserisce in un universo narrativo del quale avrebbero fatto parte il Grande Mazinga e poi Goldrake (Grendizer).

Origine dell’idea e del nome

L’idea di un grande robot pilotabile venne a Nagai mentre guidava nel traffico, immaginando cosa sarebbe potuto accadere se alla vettura fossero usciti dei grandi arti, in modo da poter scavalcare gli altri mezzi.

Alla Toei Animation l’idea piacque e iniziarono i lavori per una nuova serie fantascientifica, in cui il robot si chiamava “Iron Z”, ma il pilota sarebbe dovuto entrare nella testa saltandovi con una motocicletta (come poi succederà con Diana A guidato da Sayaka), anziché un aeromobile. La Fuji TV, che avrebbe dovuto trasmetterlo, chiese però un cambio di nome e alla proposta di “Energer Z”, seguì quella di Nagai, che divenne il nome definitivo: Mazinga Z.

Il nome in giapponese è scritto in caratteri katakana: マ(Ma)ジ (ji) ン (n) ガ (ga) ー (allungamento della vocale); i Majin (魔神) nella mitologia giapponese sono degli esseri magici e il termine viene usato anche per indicare entità demoniache (cfr. Devilman, dallo stesso autore). Il termine “majin” è una parola composta: “ma” vuol dire “demone”, mentre “shin” o “jin” (il carattere è pronunciato in altri casi come kami) vuol dire “divinità”, quasi ad indicare che Mazinga è una macchina potentissima che può essere usata per il bene o per il male, in base alle intenzioni del pilota. È interessante notare anche che la sillaba “zi” non è presente fra quelle del katakana e perciò si usa la “ji” come sostituto: di fatto マジンガー è la traslitterazione di come si pronuncia in inglese il nome del robot, Mazinger, richiamando un nome che suonasse inglese, come nei nomi precedentemente proposti. Allo stesso modo, buona parte delle armi del robot hanno nomi inglesi.

Diverse altre modifiche vennero fatte, in particolare l’eroe in motocicletta ricordava Kamen Rider, perciò il direttore della Toei inventò un mezzo volante battezzato Hover Pilder, Aliante Slittante in Italia (nel corso della serie sostituito da una versione migliorata, chiamata Jet Pilder): al posto della motocicletta che si doveva arrampicare sulla schiena del robot, il pilder atterra direttamente sulla testa del robot, agganciandosi; con questo cambiamento, fu necessario riadattare ulteriormente il design del robot.

Trama

La storia narra di un enorme robot costruito dall’anziano scienziato Juzo Kabuto e lasciato in eredità, alla sua morte, al nipote adolescente Koji Kabuto (in Italia Ryo in questa serie, poi Koji nel Grande Mazinga e poi Alcor in Goldrake). Compito dell’automa sarebbe stato quello di contrastare i piani del Dottor Inferno (in Italia Dottor Inferno in Mazinga Z e poi Dr Hell nel Grande Mazinga e Mazinkaiser), uno scienziato tedesco che nel 1962 aveva partecipato con Kabuto e altri colleghi a una spedizione archeologica nell’isola greca di Bardos (Rodi nell’adattamento italiano), alla scoperta dei resti dell’antica civiltà micenea. Ritrovato l’esercito di mostri meccanici costruiti dai Micenei (Mikenes in originale), il dottor Hell svelava le sue reali intenzioni uccidendo tutti i presenti (tranne Kabuto, che riuscì a fuggire) e impossessandosi dell’antica tecnologia, con lo scopo di far tornare sulla terra i discendenti dell’antico popolo greco (costretti per secoli a rifugiarsi nelle viscere della Terra) e insieme ad essi dominare entro pochi anni il mondo.

Il Professor Kabuto tornato in patria dirige il centro ricerche per l’Energia Fotoatomica, per lasciarlo al professor Yumi appena scoperta una lega metallica resistentissima, la lega Z, e andare a costruire altrove Mazinga Z. Nell’Istituto viene creata Afrodite A, un robot meno potente, dalle fattezze femminili, costruito dal Professor Yumi e pilotato da Sayaka Yumi, giovanissima figlia del direttore dell’istituto. Più avanti si unisce a questi il Boss Robot (che Koji nell’originale giapponese prende in giro, chiamandolo col gioco di parole Borot, sinonimo di ferraglia), guidato da Boss, Nuke e Mucha, compagni di scuola di Koji, le cui imprese costituiscono il lato comico della serie.

Dal canto suo, Hell affida le missioni di guerra a due subalterni alquanto strani: dapprima il Barone Ashura (il cui corpo è diviso in una metà maschile e una femminile) e successivamente il Conte Blocken (la cui testa è collegata a un corpo meccanico), un ufficiale nazista finito in coma dopo un incidente e risvegliato dallo scienziato nel corso dei suoi esperimenti durante la seconda guerra mondiale.

Localizzato finalmente il regno sotterraneo dei Micenei, Hell, a seguito delle ripetute sconfitte, decide di chiedere aiuto al loro ambasciatore, il Granduca Gorgon, che invierà un ufficiale, l’ambizioso Visconte Pigman, “centauro” col mezzo busto superiore di uno stregone Pigmeo, attaccato sulle spalle del corpo di un gigantesco guerriero vatusso. Successivamente Gorgon presterà a Hell alcuni suoi mostri che, pur impegnando duramente il robot terrestre, non sono in grado di eliminarlo. Nel corso di questi combattimenti viene però distrutta Afrodite A, sostituita dalla più forte Diana A.

Nell’episodio 91 della serie i contendenti si affrontano in un grande scontro finale dove il Conte ed Hell trovano la morte (Ashura e Pigman erano caduti in battaglia qualche tempo prima). I terrestri non hanno però il tempo di gioire della vittoria: nel successivo episodio Gorgon, che non aveva preso parte alla lotta, ordina, per conto del Generale Nero di Micene un attacco in massa da parte della grande armata di mostri guerrieri micenei (tali avvenimenti sono anche narrati, in forma leggermente differente, in un breve film, Mazinga Z contro il Generale Nero, usato come collegamento alternativo fra le serie di Mazinga Z e Grande Mazinga). Questa volta Mazinga Z subisce gravissimi danni e a salvarlo dalla fine interviene il nuovo robot Grande Mazinga, che era stato costruito in segreto da Kenzo Kabuto, figlio di Yuzo. L’episodio è quindi preludio della serie del Grande Mazinga, incentrato tutto nella lotta contro i Micenei, nel cui finale Mazinga Z riapparirà. In questa nuovo anime si scoprirà anche che Hell è ancora vivo.

EPISODI

01. Nascita di un robot prodigioso
02. Fermate l’esercito di Ashura
03. Operazione distruzione Mazinga
04. L’avversario di Mazinga Z / Mazinger Z crisi disperata… NT
05. Il fantasma di Mazinga Z / La comparsa di Ghost Mazinger NT
06. Attacco su due fronti
07. Le tattiche del barone Ashura
08. La grande statua di Abdora
09. Deimos F-3, robot scomponibile
10. Dyan dal braccio d’acciaio
11. Il grande cannone Galeno
12. Il tradimento di Vicong
13. Una gara di pupazzi di neve
14. Battaglia contro Spartan K5, il robot gigante / Infuriati! Spartan gigante addormentato NT
15. Attacco con l’alta marea
16. Il tornado misterioso
17. L’ultimatum di Ashura
18. Glossam, il terrore dei mare
19. Il mostro volante
20. Una prova di coraggio
21. Duello nella citta fantasma
22. La fortezza subacquea Salus
23. I capricci di Yuri
24. L’attacco del robot supersonico
25. I tre fratelli Aeros
26. Ryo contro Ashura: faccia a faccia
27. La cattura di Afrodite-A
28. Un robot con le unghia nere / Direttiva oscura: strategia per portar via la superlega NT
29. Una vittoria in extremis
30. I ladri di diamanti
31. I tre mostri volanti
32. Cerberus J-3, il robot a tre teste
33. Attacco aereo
34. Battaglia nel cielo
35. Gli specchi abbaglianti di Desma A-1
36. Il mostro dei cinque laghi
37. Sabotaggio!
38. Minerva X, il robot misterioso NT
39. L’ultima occasione di Ashura
40. La fortezza volante del conte Blocken
41. La vendetta del conte Blocken
42. Bombardamento a tappeto
43. Bandiera bianca
44. L’elmetto a energia solare
45. Decimo anniversario
46. Il bambino abbandonato
47. Ashura e Blocken: rivali!
48. Il robot di Boss
49. La rivolta del robot impazzito
50. La caduta del Jet-Scrander
51. Una taglia su Ryo
52. Le conseguenze di un litigio
53. La doppia trasformazione di Fayzer V-1
54. Un super-pugno a razzo
55. Sulle nevi del Fuji
56. Il furto della superlega-Z!

episodi inediti in Italia

(titoli tratti dall’edizione dei dvd taiwanesi)

57. Il dottor Inferno occupa il Giappone / L’operazione Giappone del Dottor Inferno
58. La fortezza dell’Inferno
59. Dichiarazione di guerra della fortezza dell’Inferno
60. La nuova arma di Mazinga Z
61. Il robot mortale e la canzone di Rain X1
62. Incidente?! Il volo del Boss Robot
63. Il centro di ricerca è in pericolo
64. Donna 007 Misato contro i nemici
65. I palloni-bomba portati dal vento
66. L’assassino invisibile Jenova M9
67. Non piangere Koji
68. Gran Duca Gorgon, guardiano dell’Inferno
69. Addio Pilder!
70. Il nuovo mostro del dottor Inferno
71. Un nuovo pilder per Mazinga Z
72. Le potentissime armi di Mazinga Z
73. Il furto di Mazinga Z
74. La fine di Afrodite A
75. Lotta fino alla morte! Il mostro meccanico del duca Gorgon
76. Il nuovo robot Diana A
77. Il Conte Blocken
78. La fine del Barone Ashura
79. Mazinger, un secondo prima dell’esplosione
80. La trappola di Partos
81. Che tu sia maledetto, Koji!
82. Mazinga Z nelle mani del nemico
83. Attenzione!! Il nuovo assistente!!
84. Una tomba in fondo al mare per Mazinga Z
85. Pericolo! L’ombra nera del terrore!
86. L’odissea del Dr. Watson
87. Esplosione! Il terrore del Marchese Pigman!
88. Vivi o morti? La battaglia dell’isola dell’Inferno
89. Non c’è più tempo da perdere! Mostro a 4000 metri di profondità!
90. La collera di Shiro! Uno sparo alla mamma!
91. L’ultima occasione! Battaglia decisiva contro il dottor Inferno!
92. Battaglia finale!! Coraggio, Mazinga Z!!