Marco dagli Appennini alle Ande

Marco (母をたずねて三千里 Haha o tazunete sanzen ri, lett. “Tremila miglia alla ricerca della mamma”), trasmesso in Italia anche con il titolo Marco – Dagli Appennini alle Ande, è un anime prodotto dalla Nippon Animation, dalla Taurus Film e da Fuji Television, ispirato al racconto Dagli Appennini alle Ande del romanzo Cuore di Edmondo de Amicis.La regia è di Isao Takahata, Hayao Miyazaki ha curato il layout della serie e il responsabile del character design è Yoichi Kotabe, già noto per aver svolto lo stesso compito per Heidi, oltre che per le illustrazioni ufficiali di Super Mario Bros.

La serie animata fa parte del progetto World Masterpiece Theater (Sekai Meisaku Gekijo) della Nippon Animation.

Trama

Marco Rossi è un ragazzino genovese di circa dieci anni, molto più maturo della sua età. La madre Anna è costretta ad emigrare in Argentina per sopperire alle difficoltà economiche della famiglia, mentre il padre Pietro rimane a casa a gestire la clinica medica per poveri che finalmente è riuscito ad aprire con tanti sacrifici.

Marco non ha mai accettato la partenza della madre di cui sente tantissimo la mancanza e col passare del tempo sopporta sempre meno il fatto che il padre ed il fratello maggiore Tonio prendano decisioni importanti senza prima parlargliene. Lentamente la conflittualità tra padre e figlio aumenta, l’uomo che vede Marco ancora come un bambino e non comprende che sta crescendo, Marco che inconsciamente disprezza il padre per non essere andato lui in Argentina al posto della moglie Anna.

Ogni volta che la nave “Michelangelo” attracca al porto di Genova proveniente dall’Argentina, porta una lettera di Anna che scrive sue notizie per essere in qualche modo vicina alla famiglia, ma dopo un anno dalla sua partenza le lettere cessano. Marco è sempre più disperato, vorrebbe che il padre facesse qualcosa, ma l’uomo sembra non essere in grado di prendere una decisione in merito. Lentamente nella mente del ragazzo matura l’idea di andare egli stesso in Argentina per sincerarsi delle condizioni della madre e trova quindi un lavoro di nascosto per potersi pagare il viaggio.

Nel frattempo Marco conosce una famiglia di burattinai, composta da Pepe e dalle tre figlie: l’adolescente Concetta, la piccola Giulietta e Violetta, una ragazzina pressappoco della sua età, con la quale stabilisce subito un profondo rapporto d’amicizia. Anche la famiglia di Violetta sta pensando di emigrare in Argentina e Marco pensa in un primo tempo di aggregarsi, ma quando finalmente parla con suo padre del suo progetto ottiene da lui un deciso diniego, accentuando ancora di più il contrasto tra padre e figlio.

Dopo tanto tempo finalmente arriva una lettera della madre, ma è una lettera strana: Anna dice infatti di essere stata malata per qualche giorno e di non aver potuto scrivere. Marco capisce che la madre sta nascondendo la verità: lei è una donna forte e non avrebbe mai accennato ad una malattia se non fosse stata una cosa veramente grave. Decide quindi di rompere gli indugi: non ha abbastanza soldi per il biglietto e Pepe e le tre figlie sono ormai partiti per l’Argentina, ma decide lo stesso di imbarcarsi di nascosto sulla prima nave in partenza per il Sud America per andare a prendere la madre e riportarla a casa. Marco si nasconde su una nave diretta in Brasile, ma viene subito scoperto. Il padre però si rende conto dell’inevitabilità della cosa: lui non può abbandonare la clinica che è in serie difficoltà ed il fratello maggiore Tonio è a Milano per studio e per lavoro. Restava quindi solamente Marco che poteva andare in Argentina a sincerarsi delle condizioni di Anna, quindi Pietro a malincuore acconsente che il figlio parta.

Inizia quindi il lungo viaggio per mare di Marco: fa scalo a Marsiglia, a Rio de Janeiro e poi con un altro piroscafo finalmente raggiunge Buenos Aires, sempre facendosi ben volere dagli equipaggi e dai passeggeri, per il suo buon carattere e per il suo spirito intraprendente. Quando però arriva in Argentina, l’aspettano delle brutte sorprese. Gli vengono rubati tutti i soldi e quel che è peggio, della madre non vi è più traccia: all’unico indirizzo conosciuto, Calle de los artes 175, non abita più Francesco Meleli, il parente che teneva i contatti tra la madre e la sua famiglia in Italia. Forse si è dovuto trasferire a Bahia Blanca e la madre potrebbe essere andata con lui, ma Marco è senza soldi e disperato e quella città è troppo lontana. Quando ormai sembra che non ci siano più soluzioni, Marco si imbatte nuovamente nella sua grande amica Violetta e la sua famiglia: il padre Pepe decide di aiutarlo e di intraprendere quindi il lungo viaggio tra Buenos Aires e Bahia Blanca per aiutarlo a ritrovare la madre.

Inizia però qui l’odissea di Marco, che una volta arrivato a Bahia non trova traccia della madre, ma si imbatte in uno strano individuo (che si fa chiamare Marsel e dice di essere uno Spagnolo) che con informazioni imprecise lo fa ritornare da solo a Buenos Aires. Marco non lo sa, ma l’uomo è il suo lontano parente Francesco Meleli, che si era appropriato delle lettere e dei soldi che la madre Anna gli aveva affidato perché venissero inviati in Italia. Una volta giunto di nuovo a Buenos Aires, Marco ritrova le tracce della madre che lo porteranno da una città all’altra: Rosario, Córdoba e finalmente Tucumán; durante il viaggio Marco incontrerà numerosi personaggi, talvolta ostili verso gli italiani, ma molto spesso inaspettatamente solidali verso di lui.

Finalmente dopo numerose avventure e rischiando la vita, Marco riesce a ritrovare la madre gravemente ammalata, dandole la forza di affrontare l’operazione che le avrebbe poi salvato la vita. Dopo qualche settimana madre e figlio potranno quindi ripartire per l’Italia, facendo a ritroso in treno il lungo tragitto che Marco aveva dovuto affrontare con mezzi di fortuna e incontrando tutte le persone che avevano fatto del bene al ragazzo. Prima di partire per Genova, Marco ritroverà anche la sua grandissima amica Violetta, verso la quale ormai c’era un legame che andava al di là dell’amicizia, che gli promette di convincere il padre Pepe a ritornare in Italia, in modo che forse un giorno si sarebbero rincontrati di nuovo a Genova.

EPISODI

01. La partenza
02. Una lettera dall’ Argentina
03. Su e giu per Genova
04. Non sono un vigliacco
05. In cerca di lavoro
06. Il sogno
07. La nuova casa
08. Il burattinaio
09. Un vecchio amico
10. Carote sulla testa
11. Pensa a tutto Violetta
12. Festa grande a Genova
13. Tutto va storto
14. Il mio amico Rocky
15. Il clandestino
16. Fiori sull’ albero
17. La rete del pescatore
18. Peppino è lontano
19. Un bambino che strilla sempre
20. Pericolo
21. Terra in vista
22. La prima traccia
23. Una pietosa bugia
24. Dov’ è Pepe?
25. La notte dei tempi
26. Cacciatore di anatre
27. Come finirà?
28. Don Pedro
29. Il Gaucho solitario
30. Un invito pericoloso
31. Pepe e il puma
32. Tre gemelle
33. Una grande delusione
34. Sempre teatro
35. Una buona notizia
36. Un uomo cattivo
37. Troppo tardi
38. Pulizie di casa
39. Marinaio in mare
40. Non sono un mendicante
41. Un treno per Cordoba
42. La lepre e l’ armadillo
43. A pesca con Pablo
44. Il falso cugino
45. Sul letto di fuoco
46. Il rude ragazzo
47. La vecchia signorina
48. Il lungo cammino
49. La meta non è ancora raggiunta
50. Quasi alla meta
51. Non è un sogno
52. Ritorno a Genova